WALA Arzneimittel
Guida stagione dei raffreddamenti - Mal d'orecchie

Mal d'orecchie da raffreddamento

Quando l'orecchio medio va sotto pressione

In seguito a un raffreddamento s’infiammano, fra l'altro, anche le mucose nell'orecchio medio, un fenomeno che causa mal d'orecchie e pressione sulle orecchie. Perché questa parte dell'orecchio ha un collegamento diretto al naso e alla gola, cosicché i virus da raffreddamento che hanno già causato raffreddore, mal di gola e tosse possono introdursi indisturbati fino all'interno dell'orecchio. Nella maggior parte dei casi, gli adulti non vengono interessati dall'infiammazione dell'orecchio medio. Al contrario, i bambini ne sono decisamente più soggetti. Ma anche a loro gli antichi rimedi casalinghi e i medicamenti naturali portano sollievo.

Come si genera pressione

Quando lo stretto corridoio di collegamento fra la cavità rinofaringea e l'orecchio medio, la cosiddetta tromba di Eustachio o tuba, continua ad ingrossarsi come reazione agli agenti patogeni introdottisi nell'organismo, la cavità piena d'aria situata dietro la membrana del timpano si chiude. La secrezione infiammata non riesce a defluire e la compensazione di pressione smette di verificarsi. Così, l'orecchio medio va "sotto pressione". Forti dolori pungenti o pulsanti all’interno dell'orecchio sono tipici sintomi di questo quadro clinico, a cui possono aggiungersi febbre, problemi di udito e capogiri.

I bambini soffrono spesso di mal d'orecchie da raffreddamento

Poiché i neonati e i bambini piccoli hanno in confronto una tromba di Eustachio più corta, la via dal banale raffreddore o dalla tosse all'infiammazione dell'orecchio medio è, nel vero senso della parola, ben poco distante. Per questo i bambini contraggono l'infiammazione dell'orecchio medio più frequentemente degli adulti. Proprio per questi piccoli pazienti sono particolarmente preziosi medicamenti delicati e ben tollerati, come i globuli o le gocce per le orecchie a base di sostanze attive vegetali e applicazioni esterne come, per esempio, gli impacchi. Vedi consigli.

Aerare è lenitivo

Per lenire il mal d'orecchie, l'orecchio medio tappato deve nuovamente essere areato. Poiché è direttamente collegato con il naso tramite la tromba di Eustachio, tutti i trattamenti contro il raffreddore aiutano automaticamente anche l'orecchio. Solo quando l'orecchio non è più isolato, anche la sua infiammazione può guarire.

Anche l'orecchio esterno può raffreddarsi

Il mal d'orecchie non viene scatenato solamente dai virus da raffreddamento che raggiungono l'orecchio dall'interno. L'orecchio può anche raffreddarsi dall'esterno, per esempio, per via della corrente d'aria - e in seguito infiammarsi. Ad essere colpito, in quel caso, è il condotto uditivo fra il padiglione auricolare e la membrana del timpano, mentre l'infiammazione dell'orecchio medio avviene dietro la membrana del timpano.

Cosa aiuta a contrastare il mal d'orecchie?

Cosa aiuta a contrastare il mal d'orecchie?

  • Impacco di cipolla. Un vecchio rimedio casalingo che quando inizia a manifestarsi il mal d'orecchie continua a essere una valida opzione. È probabile che l'ingrediente più importante lo abbiate sempre a portata di mano, perché questo impacco agisce sfruttando la forza della comune cipolla da cucina. Gli oli essenziali della cipolla possiedono proprietà antinfiammatorie e possono così alleviare il dolore.
  • Curare anche il raffreddore (in caso di infiammazione dell'orecchio medio). Che il naso possa respirare liberamente è il prerequisito per una buona aerazione dell'orecchio medio e dunque per accelerarne la guarigione. Vedi i consigli alla sezione Raffreddore.

Come applicare un impacco di cipolla

Tagliate finemente una piccola cipolla da cucina e adagiatene i pezzetti in un panno preriscaldato. Date al panno la forma di un sacchettino e legatelo insieme (in alternativa, potete utilizzare anche una calza di cotone sottile). Fissate il sacchettino con l'aiuto di una sciarpa o di una fascia sull'orecchio dolorante per mezz'ora.

Se in più appoggiate una borsa dell'acqua calda sull'impacco, oppure - se il dolore lo consente - abbassate il capo sul lato dell'orecchio dolorante appoggiandolo sulla borsa dell'acqua calda, i principi attivi curativi della cipolla entreranno in modo ancora più intenso all’interno dell'orecchio.

L’approccio corretto con le gocce per le orecchie

Le gocce per le orecchie vanno utilizzate solo se la membrana del timpano è intatta.

Un piccolo test per andare sul sicuro:

Tenete il naso chiuso e soffiatevi dentro dell'aria – come se voleste liberarvi della pressione alle orecchie. Se avvertite fischiare o sibilare e il tutto è accompagnato da un’eventuale fuoriuscita di secrezione dall'orecchio, ciò indica che la membrana del timpano è lacerata (perforata). In questo caso, vi raccomandiamo di rinunciare alle gocce per le orecchie e di consultare un medico.

Mal d'orecchie da raffreddamento - quando consultare il medico?

  • In caso di disturbi forti, non chiari o persistenti
  • Nei bambini al di sotto dei due anni
  • Se la febbre sale oltre i 39 °C
  • In caso di dolori che durano più di due giorni
  • Se fuoriesce sangue o secrezione dall'orecchio
  • Se attorno all'orecchio si genera gonfiore o arrossamento

I consigli generali qui indicati non costituiscono alcuna base per l'autodiagnosi o l’autotrattamento medico. Non possono sostituirsi a una visita medica.

Contenuti che potrebbero interessarle