WALA Arzneimittel
  • Rivista

Rivista e news

Salute del bambino

Il pranzo l’ho piantato io!

L’orto è un grande maestro di vita. Grazie a lui i piccoli e i grandi giardinieri imparano l’arte della pazienza e dell’attenzione, il rispetto per gli animali e per le piante e, non da ultimo, l’origine e il valore del nostro cibo. "Con il giardinaggio soprattutto i bambini creano un legame emotivo con la natura, perché la vivono in prima persona con tutti i sensi. E questo va oltre la conoscenza acquisita sui libri", afferma Lisa Langosch, pedagogista per l'educazione della prima infanzia ed ex responsabile di un progetto di giardinaggio in un asilo nido.

I bambini amano il giardino e le meraviglie che racchiude. E la cosa più bella è quando possono finalmente raccogliere e mangiare ciò che hanno seminato con cura qualche settimana prima. Lisa Langosch ci spiega come coltivare un delizioso piatto a base di foglie, fiori e tuberi, naturalmente di qualità biologica e quindi buono per gli esseri umani, gli animali e il terreno.

 

Ecco, l’insalata è fatta!

Il momento per seminare la lattuga è dalla metà di maggio, quando le gelate sono ormai finite. I semi sono molto piccoli, quindi è meglio se ci pensano i bambini più grandicelli a seminarli. I giardinieri più diligenti avranno già coltivato la lattuga nei cartoni delle uova e ora possono finalmente piantare le piantine nell'aiuola. “La raccolta della lattuga è ottima per i bambini perché si prendono solo le foglie esterne. Si divertono un sacco a farlo e anche i più piccoli possono dare una mano", dice Lisa Langosch. La lattuga non ha esigenze particolari per quanto riguarda il terreno, ma non tollera la luce diretta del sole. Buone notizie per chi ha un balcone: la lattuga cresce bene anche in vaso. Circa sei settimane dopo la semina, infatti, il vostro piccolo può iniziare a raccogliere le foglie di lattuga.

I fiori si possono mangiare?

Sì, è possibile farlo, almeno nel caso dei bellissimi fiori di nasturzio. Oltretutto questa pianta è estremamente adatta ai bambini: è semplice da coltivare e i piccoli possono assistere quasi passo per passo alla sua crescita. Il nasturzio tende ad arrampicarsi e sta a suo agio nelle cassette da balcone o in aiuole rialzate. Per seminarlo il vostro bambino può praticare un buco profondo circa 3 cm con il dito e metterci dentro tre semi. Se si annaffia regolarmente, le prime piantine spunteranno presto e potranno crescere fino a raggiungere una dimensione di tutto rispetto. Per ottenere fiori particolarmente belli, mescolate al terreno un po' di sabbia.

Chi raccoglie le patate più grosse?

Per il nostro prossimo ingrediente occorre un po' più di pazienza. Ma varrà la pena aspettare! "Raccogliere le patate per i bambini è quasi come una caccia al tesoro. Chi trova i tuberi più grossi? E naturalmente la raccolta è meglio farla a mani nude", sostiene Lisa Langosch.

Chiedete al vostro bambino di piantare le patate biologiche già germogliate nell’aiuola in un buco profondo circa 10 cm; la distanza tra una pianta e l’altra dev’essere di 30 cm. Quindi dovrà riempire il buco con il terriccio e attendere. I piccoli coltivatori di patate sul balcone possono mettere un po' di ghiaia e terriccio in un vecchio secchio e interrare tre patate con i germogli rivolti verso l'alto. Le patate saranno felici di ricevere una dose extra di nutrienti di tanto in tanto. Ma non è necessario acquistare fertilizzanti costosi. È sufficiente lavorare i fondi di caffè della colazione nel terreno con una piccola zappa, un compito perfetto per i bambini più grandicelli. Le patate sono mature quando le foglie iniziano ad appassire.

Buon appetito!

Se piantate e seminate già ora tutti gli ingredienti per questo piatto le patate, la lattuga e i fiori saranno maturi alla fine dell’estate. Anche il quark arricchito con erbe aromatiche fresche di giardino ha un sapore particolarmente delizioso. Celebrate il vostro raccolto, la preparazione e mangiate quanto volete, dopo tutto questo pasto è molto speciale!

Auguriamo a voi e al vostro bambino di divertirvi a fare giardinaggio!